Sergio Locatelli

photographer

Una gita all’abbazia

Con questa immagine inizia una serie dedicata all’abbazia di Morimondo. La bellissima abbazia teatro della rievocazione storica detta “La Trecentesca”.

Blog
Morimondo

Morimondo dista circa 5 chilometri da Abbiategrasso lungo la statale per Pavia e 30 da Milano.
Il territorio è posto sulla riva sinistra del Ticino, con orografia dolcemente digradante verso il fiume interrotta sporadicamente da collinette, depressioni e arginature. Il territorio comunale è vasto e prevalentemente destinato ad uso agricolo.
La vegetazione comprende, a partire dalle sponde del fiume, salici, robinie e pioppi, questi ultimi coltivati per la produzione di carta. Si possono osservare diversi boschi con pioppi dal fusto diritto disposti in regolari file parallele.

Dall’epoca romana giungono testimonianze di insediamenti coloniali nell’area dell’attuale comune. Alcuni toponimi delle frazioni (fara, dal tedesco fahren, gruppo di guerrieri) ricordano la presenza di stanziamenti longobardi.
La storia seguente di Morimondo ruota intorno alle vicende dell’abbazia omonima e dei monaci dell’ordine dei Cistercensi che vi risiedettero. Questa relazione è testimoniata anche dallo stemma comunale, che rappresenta nella parte superiore una mitra, indicativa del potere religioso, il bastone pastorale, poiché l’abate priore aveva dignità vescovile ed una spada, simbolo del potere civile-giudiziario. Nel XV secolo infatti l’abbazia viene resa commenda. Nella parte inferiore dello stemma è rappresentato un mappamondo sormontato da una croce, altro simbolo di dominio religioso.

Una preziosa fonte di notizie, curiosità, iniziative è il sito ufficiale della Fondazione Sancte Marie de Morimundo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *