Sergio Locatelli

photographer

Il Natale dei senzatetto

Durante il periodo natalizio, quando la città risplende di luci, profumi e, appena più in la i mercatini di Natale, affollati di gente, rallegrano il perimetro del Duomo, c’è chi cerca riparo dal freddo nel vano di una vetrina in allestimento. Una bellissima canzone di Lucio Dalla recita: “Milano sempre pronta al Natale, che quando passa piange e ci rimane male”. Ma per alcuni, per scelta o volontà del destino, le festività natalizie non sono altro che giornate d’inverno, un periodo in cui combattere contro il freddo.

Blog
People

Jones l’indignato

Non credereste, vero,
che discendevo da un buon ceppo gallese?
Che avevo sangue più puro del ciarpame bianco di qua?
Ed ero di più diretto lignaggio che i Nuovi Inglesi
o i Virginiani di Spoon River?
Non credereste che ero stato a scuola
e avevo letto dei libri.
Mi vedeste soltanto come un uomo finito,
con i capelli e la barba arruffati
e abiti a brandelli.
Qualche volta la vita di un uomo si trasforma in un cancro
a forza di venire continuamente ammaccata,
e gonfia in una massa purpurea,
come escrescenza su uno stelo di granturco.
Ero un falegname, impiastrato nella palude della vita
in cui camminiamo, e credevo che fosse un prato,
con una sciattona per moglie, e la povera Minerva, mia figlia,
che voi tormentaste e spingeste alla morte.
Così strisciai, strisciai come una lumaca attraverso i giorni della mia vita.
Non udite più i miei passi al mattino,
risanare sul marciapiede deserto,
mentre vado in drogheria per un po’ di farina di meliga
e un ventino di lardo.

Dall’Antologia di Spoon River – Edgar Lee Masters

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *